Cerca
Close this search box.

LA VERITA’ SUL MEDIO ORIENTE: “Divide Et Impera”

flag 186476 960 720

di gaetano costantino antonio-rotondo, uomo vivo – IAM-gcar-08221985

Le forze più o meno occulte che gestiscono il mondo utilizzano la propaganda come strumento, per assoggettare le masse ed ingannarle.
Il seguente articolo è stato scritto in ONORE, VERITA’ ASSOLUTA e AMORE davanti a DIO, per aiutare tutti quelli di animo onesto che credono, purtroppo tra le altre cose, nella PROPAGANDA NAZI-ISLAMICA. Credo in COSCIENZA che siano riusciti ad ingannare quasi tutto il “Popolo Italiano”, incluso il dissenso e quindi anche la nostra RESISTENZA. Riguardo al MEDIO ORIENTE i Media Mainstream hanno volutamente creato una realtà distorta e fuorviante sulla verità dei conflitti in Medio Oriente che coinvolgono ISRAELE.

Vi chiedo umilmente di leggere con attenzione tutta la verità che da qui in poi porterò a vostra conoscenza. Verità che ho ricercato insieme a chi ha vissuto in prima persona i fatti e conosce veramente la storia passata e presente dai conflitti dopo la prima guerra mondiale, alla divisione delle terre conseguenti la caduta dell’Impero Ottomano e il Mandato per la Palestina del 1920, ai conflitti religiosi e da chi è stato davvero in quelle Terre.

photo 2023 10 24 21 49 50 1

***CONSIDERAZIONI STORICHE – IL MANDATO PER LA PALESTINA***

Il Mandato per la Palestina è un documento storico della Società delle Nazioni che costituisce il diritto legale degli ebrei di stabilirsi in quella che all’epoca era chiamata Palestina, una vasta area estesa dal Mar Mediterraneo a oltre il fiume Giordano.

Nella conferenza di San Remo del 24 Aprile 1920 Il documento legalmente vincolante fu discusso e i termini vennero definiti nel Trattato di Sevres il 10 Agosto 1920. I termini del Mandato furono perfezionati e approvati all’unanimità il 24 Luglio 1922 dal Consiglio della Società delle Nazioni, a quel tempo costituito da 51 nazioni e divenne operativo il 29 Settembre 1923.

***LA PALESTINA E’ UN AREA GEOGRAFICA NON UNA NAZIONE***

Ecco la delineazione finale dell’area geografica della Palestina destinata alla nazione ebraica, il 16 Settembre 1922, descritta nel documento della Società delle Nazioni.

Come si può vedere dalla cartina geografica tutta l’area della TRANS-GIORDANIA che avrebbe dovuto far parte della Palestina Ebraica fu ceduta alle Popolazioni di fede ISLAMICA con lo scopo di ricercare la PACE nella regione.

Quello che oggi è chiamato “Popolo Palestinese” viveva allora in Trans-Giordania, oggi Giordania che sin dal 1922, grazie alla rinuncia della parte ebraica, aveva ottenuto una Nazione.

photo 2023 10 24 21 56 05

Gli arabi, l’ONU e come conseguenza più di recente anche la Corte di Giustizia Internazionale (CGI), hanno ripetutamente affermato che i “palestinesi” siano un popolo nativo al punto che quasi tutti oggi lo danno per scontato.

Nella realtà il concetto di un “popolo palestinese” senza uno Stato è frutto di una PROPAGANDA recente, iniziata nella seconda metà degli anni ’60 del secolo scorso, come conseguenza della creazione dell’OLP – Organizzazione per la Liberazione della Palestina presieduta da Yasser Arafat. La parola Palestina tradizionalmente non fa neanche parte della lingua araba. A dimostrazione di questo, è possibile citare tra le altre cose, una relazione del Governo Britannico presentata al Consiglio della Società delle Nazioni a proposito dell’amministrazione della Palestina e della Trans-Giordania risalente all’anno 1938. In questa relazione è chiaramente scritto che la Palestina non è uno stato, ma è il nome di un’area geografica.

Facendo alcuni passi indietro nella storia si può verificare come “Palestina” (Phlistia) sia un nome coniato dai Romani attorno al 135 dC e, tratto dal nome del popolo dei Filistei. Il nome fu scelto per sostituire quello della Giudea e Samaria, come segno che la sovranità ebraica era stata annullata in seguito alla definitva sconfitta ebraica contro Roma. (Le tre guerre giudaiche) Nel corso del tempo, il nome latino Philistia si modificò sino a raggiungere l’odierno in Palestina. Nei successivi 2000 anni la Palestina non è mai uno stata una Nazione indipendente appartenente a un qualche popolo, né mai apparve un popolo palestinese distinto dagli altri arabi durante i 1300 anni di egemonia musulmana in Palestina, sotto il governo arabo e ottomano, che non era locale ma turco. Durante quel dominio, gli Arabi nativi venivano considerati parte della Grande Siria come cittadini a lei soggetti (Suriyya al-Kubra).

Storicamente, prima che gli Arabi fabbricassero il concetto di “popolo palestinese” come fenomeno esclusivamente arabo e islamico il termine Palestinese si riferiva quasi esclusivamente agli Ebrei e alle istituzioni fondate dai nuovi immigranti Ebrei nella prima parte del ventesimo secolo, prima dell’indipendenza dello stato. Ciò è confermato da tutti i documenti ufficiali dell’epoca del Mandato Britannico, che distinguono tra Ebrei e Arabi residenti in Palestina, e non tra Ebrei e Palestinesi.

photo 2023 10 24 22 01 27 1

Prima della creazione dello Stato di Israele (1948) i “palestinesi” erano gli ebrei, come dimostra questa Enciclopedia degli anni ’40 del secolo scorso.

La bandiera palestinese è nella terza riga della pagina destra riportata con i colori tradizionali ebraici e la Stella di Davide al centro.

Ecco alcuni esempi:

– il Jerusalem Post, quotidiano fondato nel 1932, fino al 1948 fu chiamato The Palestine Post; – la nazionale palestinese di calcio che esordì nel 1934 in occasione della qualificazione ai Campionati; Mondiali di Calcio, era composta esclisivamente da ebrei. La divisa di questa squadra era bianco/blu con la “P” di Palestina sul cuore; – la Banca Leumi L’Israel, incorporata nel 1902, fino al 1948 si chiamava la Compagnia Anglo-Palestinese; – l’Agenzia Ebraica, un organo del movimento sionista impegnato nello stanziamento degli ebrei fino al 1929, inizialmente si chiamava Agenzia Ebraica per la Palestina; – l’attuale Orchestra Filarmonica di Israele, fondata nel 1936 da rifugiati ebrei tedeschi scampati dai nazisti, in origine era chiamata l’Orchestra Sinfonica Palestinese, composta da circa 70 Ebrei palestinesi’; – l’Appello Ebraico Unito (UJA) fu costituito nel 1939 come fusione dell’Appello Unito per la Palestina e l’organo per la raccolta di fondi del Comitato Unificato per la Distribuzione;

FONTE: Eli E. Hertz, “QUESTA TERRA E’ LA MIA TERRA – MANDATO PER LA PALESTINA – aspetti legali dei diritti ebraici”



La paternità del concetto di “Palestina libera” è da attribuire ad Adolf Hitler (direttiva n. 30 per il Medio Oriente, 30 maggio 1941). Il legame con i fatti attuali è diretto in quanto in quegli anni il muftì di Gerusalemme era Amin Al-Husseini, alleato politico nonché amico personale di Hitler, fondatore della divisione SS Handschar riservata ai soli musulmani e prozio di Yasser Arafat, il terrorista egiziano fondatore dell’OLP (organizzazione per la liberazione della palestina). La casa di Amin Al-Husseini a Gerusalemme era anche la sede del Partito Nazista e si trovava poco distante dalla Spianata del Tempio. Nell’immagine Amin Al-Husseini e Adolf Hitler

photo 2023 10 24 22 11 31



photo 2023 10 24 22 11 36
photo 2023 10 24 22 17 40 2



Amin al Husseini, Gran Muftì di Gerusalemme (1895-1974).

Nel 1922 Amin Al-Husseini è imposto quale Gran Muftì di Gerusalemme dagli inglesi, durante il Mandato per la Palestina. Nel 1941 diventa leader del golpe filonazista nella Palestina mandataria, poi di conseguenza diventa esule prima a Berlino e poi a Roma.

Arrestato per crimini di guerra nel 1948 evade dal campo di prigionia francese in cui è recluso e nello stesso anno diventa il leader spirituale arabo nella guerra arabo-israeliana.

photo 2023 10 24 22 19 43 1
photo 2023 10 24 22 11 42

Il Partito Nazista in Medio Oriente esiste ININTERROTTAMENTE dal 1933, ha fatto parte delle coalizioni di governo nella Siria di Assad ed è esteso sia in Palestina che in Libano.

Nell’immagine SS Handschar

photo 2023 10 24 22 32 21

Logo del Partito Nazionalsocialista Siriano che riprende sia l’idea di svastica che i colori del Partito Nazista Tedesco (Partito NazionalsocialistaTedesco dei Lavoratori)

photo 2023 10 24 22 34 23

Nell’immagine: l’edizione in arabo del Mein Kampf stampata dall’OLP ai tempi di Arafat utilizzando anche i fondi europei per gli aiuti umanitari.


LO SPIRITO DI AMALEK, HAMAS NON COMBATTE PER UNA CAUSA MA PER ODIO

HAMAS è acronimo di Ḥarakat al-Muqāwama al-Islāmiyya (in arabo حركة المقاومة الاسلامية‎?, Movimento Islamico di Resistenza, ovvero حماس, «entusiasmo, zelo, spirito combattente»). In ebraico però la parola Hamas (חמס) significa violenza. Il nome è stato infatti scelto apposta per formare un gioco di parole. Venendo ai fatti più recenti HAMAS e i suoi simpatizzanti hanno massacrato a sangue freddo circa 1.400 civili israeliani, causando anche 2.500 feriti. Donne incinte a cui è stato aperto il ventre e il bambino è stato strangolato col suo stesso cordone ombelicale. L’80% delle donne uccise è stato violentato e alcuni bambini sono stati bruciati vivi (FONTE: Amir Tsarfati –Noto Opinionista Cristiano Israeliano) e si stima che più di 160 persone siano stati catturate e deportati a Gaza come ostaggi. Un’anziana di 85 anni è stata fatta sfilare per le strade di Gaza come un trofeo, ignara della sua terribile situazione perché soffre di demenza e ora è senza farmaci. Questo è solo un esempio della disumanità dei terroristi di Hamas che hanno preso tra gli ostaggi anche bambini piccoli e perfino neonati, anziani e persone fragili proprio come fecero gli Amalechiti quando l’antico Israele fuggì dall’Egitto. Vediamo quello stesso odio spirituale verso Israele, lo spirito Amalek, alzare ancora una volta la sua brutta testa ai nostri giorni. Oggi gli ebrei di Israele non stanno solo combattendo contro carne e sangue, ma contro dei demoni. “Ricorda quello che ti ha fatto Amalek mentre uscivi dall’Egitto, come ti ha assalito lungo la strada, quando eri debole e stanco, e ha tagliato la coda a quelli che restavano dietro di te, e non ha temuto Dio .” (Deuteronomio 25:17-18)”


photo 2023 10 24 22 39 39

Porto alla vostra attenzione le parole di Zuhayr Muhsin, guerrigliero palestinese, membro dell’ OLP.

Il popolo palestinese non esiste. La creazione di uno Stato palestinese è solamente un mezzo per continuare la nostra lotta per l’unità arabacontro lo Stato d’Israele. In realtà oggi non c’è differenza tra giordani, palestinesi, siriani e libanesi. Oggi parliamo dell’esistenza di un popolo palestinese per ragionipolitiche e strategiche poiché gli interessi nazionali arabi richiedono che venga assunta l’esistenza di un distinto “popolo palestinese” da opporre al sionismo. Per ragioni strategiche la Giordania, che è uno stato sovrano con confini ben definiti, non può vantare diritti su Haifa e Jaffa mentre io, come palestinese, posso senz’altro vantare diritti su Haifa, Jaffa, Beersheva e Gerusalemme. Comunque nel momento in cui i nostri diritti saranno riconosciuti non attenderemo nemmeno un minuto per unire la Palestina alla Giordania”. (Le parole in grassetto sono aggiunte dall’autore di questo articolo)

Zuhayr Muhsin (1936 – 1979) FONTE:https://it.wikiquote.org/wiki/Zuhayr_Muhsin


La signora in foto è “palestinese”. Questo è ciò che loro fanno per tradizione ai loro figli.

Non vi farete incisioni nella carne per un morto, né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”. (Levitico 19:28)

L’attuale cosiddetto conflitto ISRAELO-PALESTINESE è stato creato da quei palestinesi che fin da piccoli sono stati incitati all’odio dai loro stessi genitori. ________________________________________________________________

photo 2023 10 24 22 42 03

Il 26 settembre 2021, la Redazione di shalom.it pubblica questo articolo:

https://www.shalom.it/blog/news/palestinesi-sventolano-bandiera-nazista-vicino-a-hebron-b1102061

affermando che “manifestanti palestinesi” sventolano la bandiera nazista.


***DIRITTO DIVINO***

Io sono l’uomo vivo gaetano costantino antonio-rotondo, custode e presidente del Comitato Liberi Pensatori, in qualità di autore di questo articolo, tengo a precisare di essere un SOGGETTO AUTODETERMINATO e in conseguenza di questo fatto riporto alcune norme tratte dal “DIRITTO DIVINO”.

  • Estratti dal “Diritto Divino” secondo la tradizione giudaico-cristiana

– Io sono il SIGNORE che ti ho fatto uscire da Ur dei Caldei per darti questo paese, perché tu lo possegga». (Genesi 15:7)

– Tu [riferito ad Israele] sei infatti un popolo consacrato al Signore tuo Dio e il Signore ti ha scelto, perché tu fossi il suo popolo privilegiato, fra tutti i popoli che sono sulla terra. (Deuteronomio 14,2)

– “Poi Mosè chiamò Giosuè e, in presenza di tutto Israele, gli disse: ‘Sii forte e coraggioso, poiché tu entrerai con questo popolo nel paese che il Signore giurò ai loro padri di dar loro e tu glielo darai in possesso’” (Deuteronomio 31:7)

– Guardati dal fare alleanza con gli abitanti del paese nel quale stai per andare, perché non diventino, in mezzo a te, una trappola. (Esodo 34.12)

– Prenderete possesso del paese e in esso vi stabilirete, perché io vi ho dato il paese in proprietà. […] Ma se non cacciate dinanzi a voi gli abitanti del paese, quelli di loro che vi avrete lasciati saranno per voi come spine negli occhi e pungoli nei fianchi e vi faranno tribolare nel paese che abiterete. Allora io tratterò voi come mi ero proposto di trattare loro. (Numeri 33:53,55)

– Così parla il Signore, DIO: «Questa è la frontiera del paese che voi spartirete come eredità fra le dodici tribù d’Israele. Giuseppe ne avrà due parti. Voi avrete ciascuno, tanto l’uno quanto l’altro, una parte di questo paese, che io giurai di dare ai vostri padri. Questo paese vi toccherà quindi in eredità. Queste saranno le frontiere del paese. Dalla parte di settentrione: partendo dal mar Grande, in direzione di Chetlon, venendo verso Sedad; Camat, Berota, Sibraim, che è tra la frontiera di Damasco e la frontiera di Camat; Aser-Atticon, che è sulla frontiera del Cavran. Così la frontiera sarà dal mare fino ad Asar-Enon, frontiera di Damasco, avendo a settentrione il paese settentrionale e la frontiera di Camat. Questa è la parte settentrionale. Dalla parte orientale: partendo fra il Cavran e Damasco, poi fra Galaad e il paese d’Israele, verso il Giordano, misurerete dalla frontiera settentrionale fino al mare orientale. Questa è la parte orientale. La parte meridionale si dirigerà verso mezzogiorno, da Tamar fino alle acque di Meribot di Cades, fino al torrente che va nel mar Grande. Questa è la parte meridionale, verso mezzogiorno. La parte occidentale sarà il mar Grande, da quest’ultima frontiera, sino di fronte all’entrata di Camat. Questa è la parte occidentale. (Ezechiele 47:13-20)

  • Diritto Divino” secondo il Corano:

O mio popolo [riferito agli ebrei guidati da Mosè], entra nella Terra Santa che Dio ti ha destinato”. (Corano 5:21)

O mio popolo, entrate nella Terra Santa che Allah vi ha destinata e non volgete le spalle: vi ritrovereste perdenti. (Corano 5:21)

E in seguito abbiamo detto ai figli d’Israele: dimorate al sicuro nella Terra Promessa (Corano 17:104)

– E in seguito abbiamo detto ai figli di Israele: disperdevi e vivete in tutto il mondo. E quando la fine del mondo sarà vicina, vi riuniremo di nuovo nella Terra Promessa. (Corano 17:104).


NOTA DELL’AUTORE: sono consapevole di avervi messo di fronte a una scelta riportando fatti storici documentati. Negarli è appunto “NEGAZIONISMO”. ISRAELE è una Nazione e come tutte le Nazioni fa sia cose buone che cattive, di conseguenza in questo articolo non ho inteso difenderla ma analizzarne l’attuale situazione mettendovi con coscienza in guardia dall’attuale propaganda. HAMAS a differenza di Israele non è una Nazione ma una organizzazione terroristica d’ispirazione islamico-nazista che attacca gli ebrei in quanto ebrei per motivi teologici. Israele non attacca i mussulmani in quanto mussulmani.

Si ringrazia per la collaborazione il fotografo del Comitato Liberi Pensatori per le preziose informazioni e il materiale fornitomi.

Cinisello Balsamo, 24 ottobre 2023

Uomo Vivo gaetano costantino antonio-rotondo

Condividi:

Una risposta

  1. Grazie per il coraggio avuto nel pubblicare questo articolo.
    Vi ho volentieri fatto una donazione.
    Buon lavoro a gaetano rotondo e tutta la redazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Articoli Correlati

Sostieni l'Informazione Libera

Radio28TV è un marchio di Lismon srls.
Sostienici con una piccola donazione tramite Paypal e aiuta l’informazione libera e senza censure.
GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO

Avviso sui cookie di WordPress da parte di Real Cookie Banner