Cerca
Close this search box.

Esplorando le Evidenze: Incendi, Gestione dell’Emergenza e Complessità delle Cospirazioni – 1ª parte

La ricerca dell’“immagine nascosta” è un gioco che ha appassionato molti di noi, sia da bambini che da genitori, sfogliando le riviste dedicate ai più piccoli. Di solito, ci troviamo davanti a un disegno che mostra scene di natura, con mare, rocce, stelle marine e altri elementi. Accanto al disegno c’è una frase che ci sfida a trovare qualcosa di nascosto, per esempio: “In questo disegno c’è una sirena che si pettina i capelli su una roccia. Sapete dove si trova?” Spesso, però, non riusciamo a vedere l’immagine nascosta, finché non guardiamo la soluzione nelle pagine precedenti della rivista. Solo allora ci rendiamo conto di come l’artista abbia saputo nascondere la vera immagine nel disegno. E quando finalmente vediamo la “figura nascosta”, essa diventa il punto focale, svelando il segreto tanto atteso.

Analogamente, gli artisti dei media di massa sanno creare scenari che celano volutamente la realtà. Negli scenari che ci propongono ogni giorno attraverso giornali, radio e televisione, usano elementi di distrazione. Ma se riusciamo a superare questa barriera visiva, scopriamo che la sirena che si pettina i capelli su una roccia è sempre stata lì, invisibile ai nostri occhi. In tutto il mondo, milioni di persone provano angoscia e frustrazione per ciò che succede nei loro paesi. Sentono un’ombra di caos e intuiscono che c’è un problema molto grave. Tuttavia, spesso, a causa dei maestri dell’inganno visivo, non riescono a capire esattamente cosa sta succedendo.

Forse anche tu ti senti inquieto, ma non sai bene perché. Continuiamo a votare nuovi leader, nuovi presidenti che sembrano voler fermare la crescita del socialismo tecnocratico a livello globale, limitare la corruzione nelle spese pubbliche, spegnere l’incendio della crisi, ripristinare un’economia sana, invertire la tendenza che sta portando il paese verso il degrado morale e punire i responsabili in base alle loro azioni. Eppure, nonostante le grandi speranze e le promesse fatte in campagna elettorale, questi problemi rimangono e addirittura si aggravano, indipendentemente da chi prende il comando del potere. Ogni nuova amministrazione, sia di destra che di sinistra, di centro, repubblicana, democratica, socialista o comunista, continua con le stesse politiche essenziali dell’amministrazione precedente, che aveva così duramente attaccato durante la campagna. Anche se è un tema sensibile, è una realtà innegabile. Ci si chiede allora: c’è una spiegazione plausibile a questo fenomeno? Dovremmo forse smettere di cercare di capire? Dovremmo forse accettare che tutto sia casuale e dovuto al destino, senza avere alcuna influenza sulla situazione?

Franklin D. Roosevelt, in una delle sue frasi più famose, disse: “In politica, nulla succede per caso. Se succede, puoi scommettere che è stato programmato così.” Data la sua posizione di prestigio, era sicuramente a conoscenza della verità di questa frase. Personalmente, trovo difficile ignorare che molti degli eventi mondiali che stanno determinando il nostro futuro siano il frutto di piani o di manovre occulte. Se attribuissimo tutto alla casualità, allora dovremmo anche ammettere che metà degli eventi che influenzano il benessere della nostra nazione dovrebbe essere stata intenzionalmente a favore dell’Italia. Inoltre, se considerassimo tutto come semplice incompetenza, allora i nostri leader dovrebbero occasionalmente fare errori a nostro vantaggio.

Chi sostiene che gli eventi globali siano frutto di piani è spesso ridicolizzato e chiamato “teorico della cospirazione storica”. Tuttavia, nel contesto attuale, sono pochi quelli che credono veramente a questa teoria, se non quelli che l’hanno studiata a fondo. Infatti, se ci pensiamo bene, ci sono solo due teorie sulla storia: gli eventi succedono a caso e senza alcun progetto, oppure sono volutamente progettati e realizzati da qualcuno. È la “teoria casuale della storia”, spesso diffusa in ambienti poco informati, che dovrebbe farci dubitare. Altrimenti, come mai ogni nuova amministrazione ripete gli stessi errori delle precedenti? Per quale motivo gli stessi fallimenti storici si ripetono, portando crisi, depressione e conflitti? Perché sembra che i governi facciano “incidenti” che si susseguono, da una politica tecno-socialista all’altra? Pensare che tutto questo sia il risultato di casualità o di onde storiche incomprensibili potrebbe essere visto come un tentativo di capire un mondo complesso, un atto intellettuale. Tuttavia, se pensiamo che una serie di migliaia di coincidenze successive avvenute negli ultimi quarant’anni possa superare le possibilità delle leggi di probabilità, allora si apre la via all’etichettatura di quelli che hanno una visione distorta della realtà.

Ma perché la maggior parte degli studiosi “rispettabili” e gli esperti e commentatori dei media tradizionali rifiutano categoricamente l’idea di cause ed effetti o di una teoria cospiratoria della storia? Senza dubbio, alcuni individui potrebbero essere corrotti, ma nella maggioranza dei casi, gli studiosi seguono il pensiero dominante nell’ambiente accademico, proprio come molte persone si adeguano alle nuove mode o si uniformano agli standard. Andare contro questa tendenza comporta il rischio di essere emarginati socialmente e professionalmente. Questo vale anche per i media. Nonostante i professori e gli opinionisti si vantino di tolleranza e apertura, la realtà è che il flusso delle idee è rigidamente unidirezionale, orientato verso posizioni prevalentemente liberali.

Essere un maoista potrebbe non essere un problema tra i professori universitari o i giornalisti di regime, ma essere un sostenitore di una visione cospiratoria è severamente vietato. È quasi come essere un porcospino in una festa di palloncini!

Inoltre, molte di queste persone hanno sviluppato una forte connessione emotiva con le loro credenze sbagliate nel corso degli anni. Le loro menti e il loro ego sono ormai fermamente legati alla teoria della casualità. Ammettere di essere stati ingannati o di aver sbagliato a giudicare è una pillola amara da ingoiare per la maggior parte delle persone. Esaminare le prove dell’esistenza di una cospirazione attiva dietro le quinte per plasmare il nostro destino politico richiederebbe il coraggio di rivedere opinioni radicate che sono state formate nel tempo. Questo processo richiederebbe una grande forza di carattere per affrontare i fatti e riconoscere errori, anche se nati da una mancanza di informazioni.

Spesso, i politici e gli “intellettuali” sono attratti dall’idea che gli eventi siano determinati da forze misteriose della storia o semplicemente accadano per puro caso. Questa prospettiva offre loro la speranza di sfuggire a conseguenze negative quando le cose vanno male. La maggioranza degli intellettuali, indipendentemente dalla loro onestà, tende a ignorare la teoria cospiratoria della storia senza nemmeno provare a confutarne le prove, sebbene tale confutazione sia spesso impossibile. Quando il silenzio non basta, questi “neutrali” studiosi e gli opinionisti dei media passano agli attacchi personali, un modo per distrarre dai fatti che un autore o un oratore cerca di portare alla luce.

L’obiettivo è costringere chi denuncia la cospirazione a ritirarsi e difendersi. Le armi più efficaci usate per demolire la teoria cospiratoria della storia sono il ridicolo e la satira. Questi strumenti, se usati con abilità, possono deviare da qualsiasi tentativo onesto di smentire i fatti. Alla fine, nessuno vuole essere deriso. Piuttosto che correre il rischio di diventare oggetto di scherno, la maggior parte delle persone preferisce tacere; ed è innegabile che questo argomento sia spesso bersaglio di scherno e ironia. Una strategia usata spesso consiste nell’esagerare la portata presunta della cospirazione fino a renderla ridicola. Un esempio potrebbe essere: “Chissà, forse credi che ogni giornalista riceva ogni sera una telefonata criptata dalla sede della cospirazione, con istruzioni su come manipolare l’opinione pubblica il giorno dopo?”

In realtà, alcuni sostenitori delle teorie cospiratorie tendono ad esagerare, includendo indiscriminatamente politici, giornalisti e scrittori in un unico insieme, senza tener conto delle sfumature e delle varie sfaccettature delle loro azioni e dichiarazioni. Questa situazione viene sfruttata da individui in mala fede, che mescolano abilmente fatti e menzogne ​​al fine di creare ulteriore confusione, risentimento e insoddisfazione. Oppure, mossi dall’ignoranza, dal fanatismo razziale o religioso, potrebbero usare frammenti di prove legittime e ingrandirli fino a trarre una conclusione che confermi il loro specifico pregiudizio, come ad esempio che la cospirazione sia totalmente “askenazita”, “ebraica”, ” cattolica” o “massonica”. Purtroppo, queste persone non aiutano a svelare una cospirazione, ma finiscono per rafforzare la percezione di coloro che vogliono dipingere tutti i sostenitori delle teorie cospiratorie come strambi visionari.

Gli “intellettuali” spesso si affidano a luoghi comuni come: “La teoria del complotto è spesso attraente, ma è troppo semplicistica.” Sostenere che ogni evento sia il risultato delle trame di un piccolo gruppo di cospiratori avidi di potere è sicuramente un eccesso di semplificazione. Tuttavia, a mio parere, nulla è più semplicistico dell’attaccarsi ostinatamente alla visione casuale degli eventi globali principali.

Nella maggior parte dei casi, i progressisti fanatici tendono semplicemente ad accusare chiunque parli di teorie del complotto di essere paranoico. Considerando come i leader nel mondo accademico e nei media trattino con disprezzo queste teorie del complotto (o le dinamiche causa-effetto) nella storia, non stupisce che molti individui innocenti e ben intenzionati, desiderosi di evitare di sembrare ignoranti, finiscano per adottare gli stessi atteggiamenti e ripetere i cliché degli opinionisti, cercando di dare l’impressione di essere sofisticati e di assumere l’atteggiamento di compiaciuta superiorità dei loro mentori, anche se non hanno mai dedicato nemmeno cinque minuti allo studio dell’argomento delle cospirazioni internazionali.

Gli “accidentalisti” cercano di farci credere che attribuire qualsiasi problema alla pianificazione sia una visione “semplicistica”, sostenendo che tutti i nostri problemi derivano da Povertà, Ignoranza e Malattia. Ignorano il fatto che i cospiratori organizzati usano il concetto di Povertà, Ignoranza e Malattia, sia reale che immaginario, come scusa per costruire una prigione che ci imprigioni tutti. Molta parte del mondo ha accettato senza critiche l’idea che l’alternanza di fallimenti dei governi negli ultimi trent’anni sia dovuta al concetto di Povertà, Ignoranza e Malattia.

Inoltre, gli “accidentalisti” trascurano il fatto che alcune delle nazioni più sviluppate del mondo sono cadute nelle mani dei tecnosocialisti. Non si può negare che esistano intellettuali di alto livello che credevano nelle teorie cospiratorie della storia. Oggi, numerosi pensatori seri stanno rivelando l’esistenza di un intreccio occulto, basandosi su documenti spesso facilmente reperibili, grazie anche alle tecnologie a nostra disposizione. Alcuni di loro sostengono che lo scopo di questo intreccio sia “nient’altro che l’instaurazione di un sistema globale di controllo finanziario nelle mani di individui privati, capace di dominare il sistema politico di ogni nazione e l’economia mondiale nel suo complesso”. In altre parole, questo gruppo di individui potenti aspira a governare il mondo. Ma non solo: ambisce anche a ottenere un controllo assoluto su ogni singola azione individuale. Per realizzare tali aspirazioni, i cospiratori non hanno esitato a promuovere guerre, crisi economiche e conflitti. Mirano a un monopolio che eliminerebbe ogni forma di concorrenza e minerebbe il sistema di libera impresa.

Alcuni ricercatori onesti, vedendo sempre gli stessi individui coinvolti in politiche disastrose, hanno dedotto che deve esserci un’organizzazione di manipolatori che opera nell’ombra degli avvenimenti mondiali. Tuttavia, questi intellettuali onesti sanno bene che sfidare apertamente i “professori dell’ombra” avrebbe conseguenze negative per la loro carriera.

Anche tra i leader religiosi vi sono coloro che hanno acquisito consapevolezza dell’esistenza di questa cospirazione. In un articolo datato 27 dicembre 1965, padre Pedro Arrupe, il capo supremo dell’Ordine dei Gesuiti della Chiesa Cattolica Romana, fece le seguenti affermazioni durante un suo discorso al Consiglio Ecumenico: “Questa… società segreta di individui agisce con notevole efficienza, soprattutto ai livelli più alti. Sfrutta ogni risorsa a sua disposizione, sia essa scientifica, tecnologica, sociale o economica. Segue una strategia chiara e precisa. Ha un controllo praticamente totale sulle organizzazioni internazionali, nel settore finanziario e nei media: stampa, cinema, radio e televisione.” Non è un caso isolato. Nel corso del tempo, altri leader religiosi si sono espressi in modo simile, specialmente dall’inizio dell’emergenza Covid.

Superare i vari ostacoli per convincere qualcuno dell’eventuale presenza di una rete cospiratoria di individui senza scrupoli che, dalle posizioni più alte, manipolano l’agenda politica dei governi, è una sfida importante. In questa situazione, la realtà supera davvero la fantasia. Ci troviamo di fronte al più grande “mistero” della storia, un enigma inquietante che potrebbe mettere in crisi persino l’abilità della famosa autrice di gialli Agatha Christie. Per chi è appassionato di enigmi, l’analisi delle operazioni dei cospiratori sarà senza dubbio interessante. Dobbiamo tenere a mente che il primo obiettivo di qualsiasi cospirazione, sia essa politica, criminale o aziendale, è convincere gli altri che una cospirazione non esiste affatto. Il successo dei cospiratori dipenderà in gran parte dalla loro abilità nel farlo. L’elaborato sforzo da parte dell’élite accademica e dei media nel costante tentativo di minimizzare l’esistenza di questa rete ha un solo scopo: occultare le loro attività. Questi “strategisti” nascondono ciò che è essenziale, ciò che è fondamentale.

Probabilmente in passato sei stato coinvolto o hai avuto conoscenza diretta di eventi che sono stati riportati dalle notizie. Questi eventi potrebbero riguardare il mondo dello sport, le elezioni, le riunioni di comitati o persino la tua stessa attività. La rappresentazione di questi eventi raccontava la “vera” storia, cioè i retroscena nascosti dietro gli avvenimenti? Molto probabilmente no. Questo può essere dovuto a vari fattori, come le limitazioni di tempo e spazio per i giornalisti, oppure il fatto che le persone coinvolte potrebbero non voler rivelare tutti i dettagli. In alcuni casi, le preferenze personali del giornalista hanno influenzato quali fatti sono stati inclusi nella narrazione e quali sono stati omessi.

L’aspetto che vorrei sottolineare è che la maggior parte di noi ha esperienza diretta del fatto che una notizia spesso non racconta l’intera storia. Tuttavia, molti di noi tendono a pensare che la nostra situazione sia un’eccezione, quando in realtà è più frequente di quanto si pensi. Quello che vale per la copertura degli eventi locali è altrettanto applicabile alla rappresentazione degli eventi nazionali e internazionali. Inoltre, i fattori psicologici giocano un ruolo importante nel convincere le persone a considerare le prove relative agli Insider. Spesso le persone si sentono a loro agio con le loro vecchie credenze e concezioni.

Quando Pitagora propose che il mondo fosse una sfera e non un piano, provocò una grande agitazione. Gli fu chiesto di sfidare un pensiero radicato per tutta la vita e abbracciare una prospettiva completamente nuova. Gli “intellettuali” del suo tempo derisero Pitagora e molte persone temevano di perdere il loro status sociale se l’avessero ascoltato. Molti altri semplicemente non volevano accettare l’idea che il mondo fosse rotondo, poiché avrebbe complicato molte cose. Gli accaniti difensori della teoria della Terra piatta avevano sviluppato un forte attaccamento alla loro visione e quindi reagirono duramente contro Pitagora, insultandolo per aver messo in discussione la loro visione dell’universo.

Nota: la 2ª e ultima parte di questo articolo uscirà mercoledì 6 settembre

Credits: immagine dal web

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Articoli Correlati

Sostieni l'Informazione Libera

Radio28TV è un marchio di Lismon srls.
Sostienici con una piccola donazione tramite Paypal e aiuta l’informazione libera e senza censure.
GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO

Avviso sui cookie di WordPress da parte di Real Cookie Banner